Home » Il dottor Gaio Lucilio Zanicchi e il mistero delle morti sconnesse by Massimo Mongai
Il dottor Gaio Lucilio Zanicchi e il mistero delle morti sconnesse Massimo Mongai

Il dottor Gaio Lucilio Zanicchi e il mistero delle morti sconnesse

Massimo Mongai

Published
ISBN : 9788889932339
ebook
186 pages
Enter the sum

 About the Book 

Mentre guidava tornando a casa, in una tranquilla domenica sera di inizio Maggio, Gaio Lucilio Zanicchi stava dicendo che in fondo, in vita sua lui aveva avuto solo due veri problemi esistenziali, uno da molto giovane ed uno ora, e tutti e dueMoreMentre guidava tornando a casa, in una tranquilla domenica sera di inizio Maggio, Gaio Lucilio Zanicchi stava dicendo che in fondo, in vita sua lui aveva avuto solo due veri problemi esistenziali, uno da molto giovane ed uno ora, e tutti e due vertevano intorno al fatto di essere Gaio. Nel senso (primo problema) di portare un nome così impegnativo e desueto. Gaio Lucilio. E tutto perché il padre era un appassionato dellantica poesia latina. Daltra parte, questo del nome, come problema era in fondo un fastidio onnipresente e ridicolo, ma di poco conto, rispetto allaltro. Il problema vero (il secondo) era conseguenza del fatto che lui era gaio anche nel senso di essere gay. Gaio era quindi gay di nome e di fatto. Oltre tutto anche questo, in assoluto, non sarebbe stato un problema se non per il fatto che Gaio Lucilio Zanicchi era anche un giudice: un giovane GIP, un giudice delle indagini preliminari dello Stato Italiano, presso la Procura della Repubblica di Roma, detta il porto delle nebbie. Un ambientaccio. Ma Gaio Lucilio è anche fidanzato con Rossella, una bella e slanciata 20enne perugina piena di ormoni e di tette che si aspetta che lui la sposi al più presto, anche perché così almeno faranno sesso, dato che lei è vergine e lui la rispetta moltissimo e lei non se ne capacita. Gaio vuole molto bene a Rossella ma non sa cosa fare. E la situazione si complica e di molto quando inizia una serie di morti accomunate dal modus operandi: tutti bruciati vivi. Tutto lascia pensare ad un pazzo serial killer ma la vittimologia, ossia il tipo di vittime, non è per nulla coerente: sono morti del tutto sconnesse fra di loro. È tutto molto complicato. Ma la situazione si complica ancora di più quando lautista del dottor Zanicchi viene sostituito.